Storia della macchina da cucire - foto 01L’idea di cucire meccanicamente era nata e tenuta in conto da un centinaio d’anni prima che venisse costruito con successo il primo modello di macchina per cucire.

I primi tentativi ed esperimenti di cui ci resti testimonianza furono realizzati non prima del 1755: il 24 luglio di quell’anno, infatti, l’inglese Charles F.Weisental brevettava una macchina con un ago a doppia punta e una cruna a metà della sua lunghezza.

La successiva macchina da cucire fu quella di Thomas Saint, anch’egli anglosassone, che ottenne un brevetto il 17 luglio 1790. Pare che questi avesse compreso, con straordinaria chiarezza, le principali ed essenziali caratteristiche della trovata: la sua macchina possedeva un piano orizzontale per supportare la stoffa, un braccio sospeso alla cui estremità era collocato un ago a movimento verticale, e un trasportatore che procedeva automaticamente tra un punto e l’altro. Da quel momento in poi tali caratteristiche sarebbero state mantenute nella costruzione di ogni macchina da cucire.

Storia della macchina da cucire - Foto 1.1Un passo fondamentale nella storia della macchina da cucire avvenne grazie al francese Barthélemy Thimonnier. Nativo di Arbresle (Francia, dipartimento del Rhône), viveva a Saint-Étienne quando costruì la sua prima macchina da cucire nel 1830. Sarto per mestiere, mentre lavorava col suo ago, chino sul suo tavolo da lavoro, ricurvo sulla sua stoffa, Thimonnier sentì il bisogno di cercare un modo per liberare sé stesso e gli altri dalla sua monotona e faticosa occupazione.

Osservando l’esecuzione di alcuni lavori all’uncinetto, Thimonnier rimase incuriosito dalla maniera in cui il punto veniva annodato, e ideò una macchina che facesse altrettanto, senza le dita e sei volte più rapidamente. Scopriva così il punto formato dalle maglie di un filo continuo, fatto passare attraverso il tessuto da un ago uncinato.

Nel 1837 aveva trovato uno stratagemma per fermare il suo filo continuo ogni 5 punti: era la prima idea della navetta per fissare ogni punto in modo che non si possa scucire. Il 17 luglio 1830 Thimonnier otteneva un brevetto d’invenzione della durata di 15 anni, «per una macchina atta a realizzare i punti a catenella sui tessuti».

Thimonnier non aveva previsto l’opposizione da parte dei sarti parigini del tempo. «Queste macchine che fanno una spietata concorrenza ai sarti – sostenevano dal canto loro – priveranno centinaia di lavoratori del loro pane quotidiano! Thimonnier è solamente un affamatore del popolo!». Le accuse sarebbero state poi edulcorate qualche anno più tardi asserendo che «la macchina da cucire, impiegata nella dovuta misura, non ha per la salute maggiori inconvenienti di quelli del lavoro ad ago». Diversi anni difficili attendevano Thimonnier.

Gli avvenimenti successivi avrebbero dato pienamente ragione all’inventiva e allo spirito di sacrificio del modesto sarto di Saint-Étienne: tra il 1830 e il 1845, infatti, pur se inizialmente osteggiata, la macchina per cucire cominciò silenziosamente a “conquistare” il mondo occidentale.

Sebbene nata in Europa, la macchina da cucire trova però in America la sua più massiccia diffusione: furono proprio gli ingegneri meccanici statunitensi a conferire una utilità pratica alla trovata del francese Thimonnier, semplificandola e migliorandola.

Decisiva a tal proposito fu l’invenzione della macchina da cucire a navetta, da parte di Elias Howe (1846).

Da quel momento i meccanici di tutti i Paesi cominciarono a gareggiare tra loro in ingegno per dar vita a modelli sempre più perfetti. Solo tra Francia, Inghilterra e America furono una trentina i brevetti che mettevano a punto, di volta in volta, particolari più innovativi: in un secolo divennero un centinaio.

Storia della macchina da cucire - Foto 1.2Un’invenzione francese, dunque, che ha contribuito, anche grazie alle migliorie da parte degli altri Paesi, a mettere a servizio dell’umanità una macchina capace di sostituirla in una delle sue funzioni utilitarie, quelle dell’abbigliamento e della confezione.

Il processo di perfezionamento della macchina da cucire stava evolvendosi già da un centinaio di anni, quando, nel 1850, l’intelligenza versatile di Isaac Merrit Singer (1811-1875), un tedesco-americano dalla grande personalità, si interessò alla questione.

La sua prima macchina, brevettata il 12 agosto 1851, possedeva un ago a movimento verticale, guidato da un albero sovrastante, e un trasportatore ruvido che scorreva attraverso una fessura del piano. Accanto all’ago un “piedino premistoffa” teneva pigiato il tessuto durante il lavoro di cucitura.

Nel 1854 Singer fondò la società I. M. Singer, per lo sfruttamento industriale del brevetto, ma anche lui si trovò presto a dover fronteggiare personali difficoltà economiche e pregiudizi dovuti al fallimento dei precedenti tentativi di produrre una macchina che funzionasse con successo.

Tuttavia, lentamente, Singer riuscì a guadagnare terreno; gradualmente ottenne accesso al pubblico e in tal modo, a poco a poco, la sua macchina venne testata e collaudata, dimostrandosi efficace ad eseguire lavori di cucitura continua.

Nel 1856 il marchio creò ed inaugurò il sistema di distribuzione delle macchine da cucire attraverso il noleggio e la vendita rateale; questo metodo fu diffuso in tutto il mondo dalla Singer Manufacturing Company.

Riportava una pubblicazione della Singer Sewing Machine Co. del 1914 che «nessuna invenzione meccanica ha mai raggiunto l’utilità della macchina da cucire nell’economia domestica. Tutte le donne dovrebbero acquisire familiarità con l’uso della macchina da cucire come strumento essenziale per l’economia domestica nella realizzazione di abiti, nel rammendo delle calze, della biancheria da tavola e da letto, nel ricamo e nella realizzazione di una grande varietà di lavori di fantasia». La diffusione delle macchine da cucire elettriche prese piede a partire dagli anni Trenta del XX secolo. L’ incremento di riviste dedicate al cucito, che includevano cartamodelli da realizzare a casa, avvenne sopratutto negli anni ’50. Fu un vero e proprio boom per le macchine da cucire domestiche.

Nel 1862, parallelamente agli sviluppi finora trattati, era apparsa sul mercato una temibile concorrente della Singer, la macchina per cucire Pfaff.Storia della macchina da cucire - foto 02

Già a quell’epoca funzionava per 200 punti al minuto,un vero record, anche se fa sorridere il confronto con le prestazioni attuali di 6.000 punti al minuto delle macchine rotative Pfaff. Le antiche macchine per cucire Pfaff, come pure le Singer, prima di essere commercializzate, subivano un accurato procedimento di verniciatura con lacca nera e di abbellimento in filigrana d’argento o d’oro brunito, o con finimenti ed inserti madreperlacei, applicazione di decalcomanie, e decorazioni a stampa. Certi motivi si ispirano allo stile liberty e le macchine che li riportano, essendo assai ricercate dai collezionisti, sono diventate una rarità.

Storia della macchina da cucire - foto 03In Italia la produzione di macchine da cucire ebbe inizio leggermente in ritardo a confronto con altri paesi; ma, grazie all’ottima qualità del prodotto, le macchine italiane vennero subito richieste all’estero. La Singer è presente nella penisola già dai primi anni del XX secolo, assieme alla Necchi, il cui primo modello risale al 1919 e alla pavese Vigorelli, i cui primi modelli furono battezzati con l’ appellativo “Vigor”.

Sul finire del Novecento l’Italia produce circa 200.000 pezzi l’anno. Oggi, l’avvento della tecnologia ha reso disponibili sul mercato macchine da cucire elettroniche con elevate prestazioni tecniche. Le macchine da cucire elettroniche sono progettate per essere efficienti e di semplice utilizzo, sono veri e propri piccoli computer che, grazie al software in dotazione, sono in grado di realizzare una miriade di punti attraverso la semplice pressione di un tasto.

Copyright © 2014 . ANTONIO VALENTE - All Rights Reserved
Corso San Felice, 53 - 36100 - VICENZA  - Tel (+39) 0444 546004
- email: stefano-valente@libero.it - C.F. e P.IVA 00876430281